trova un evento

Cosa ti interessa?

Dove

Quando?


30 ottobre 2017 | Servizio civile

La cronaca che fa la Storia

La cronaca che fa la Storia

La storia e la Memoria sono in continua evoluzione.
Il progetto di Arci Servizio Civile "la Memoria come strumento di educazione alla pace" mira ad indagare come la Liberazione di Bologna sia stata trattata dai periodici locali.
Si è iniziato dal quotidiano più letto a Bologna, il Resto del Carlino.

Di buon mattino la BUB (Biblioteca Universitaria di Bologna) ha schiuso le sue porte per farci immergere nei faldoni impolverati che racchiudono la cronaca locale.

Il Carlino del 28 marzo 1945 titola “I terroristi che agivano in città assicurati alla giustizia”. I terroristi di cui il Carlino parla non sono le Brigate Nere che terrorizzavano la popolazione, ma i partigiani.
Infatti, dal 1923, il quotidiano entra nell’orbita del regime fascista e resterà asservito alla RSI fino al 19 aprile del 1945.
Scorrendo le pagine la realtà che viene raccontata dal principale quotidiano locale è diversa da quella che la storia racconta: le forze dell’Asse sembrano invincibili, mentre i partigiani si chiamano terroristi e agiscono con violenza nei confronti della popolazione inerme.
Alla luce di questi articoli riflettiamo su come il sacrificio di chi scelse di combattere per la libertà e la democrazia entrando nei Gap o salendo nell’Appennino fu davvero lungimirante poiché, nonostante la capillare diffusione di notizie false, furono capaci di creare una narrazione alternativa a quella di regime e prendere coscienza della situazione reale, operando di conseguenza.

Il 21 aprile 1946 la dittatura è finita da quasi un anno e con essa il controllo della RSI sulla stampa, pertanto il Carlino cambia registro e titola “I caduti per la Libertà esaltati dal presidente del C.R.L.N”.
La città può dunque celebrare il primo anno dalla fine della guerra.
Si apre così una nuova pagina di storia per la città di Bologna e l’Italia repubblicana.

 

L'immagine in calce è tratta da "http://www.luxemburg.bo.it/staffettememoria/la-sesta-fucilazione/"  sulle fucilazioni al poligono di tiro e dimostra come, prima della Liberazione, il Carlino tratti i partigiani come terroristi.

Ti invitiamo a postare commenti attinenti all'argomento. La redazione si riserva il diritto di cancellare ogni commento ritenuto offensivo o inutile.
Tutti i campi sono obbligatori