trova un evento

Cosa ti interessa?

Dove

Quando?


25 ottobre 2019 | Politiche e diritti

Io Accolgo: raccolta firme per chiedere l'abrogazione dei decreti sicurezza

Io Accolgo: raccolta firme per chiedere l'abrogazione dei decreti sicurezza

Venerdì 25 Ottobre il comitato bolognese della rete Io Accolgo riprende la mobilitazione per contrastare le politiche in materia di immigrazione e chiedere l’immediata abrogazione dei Decreti Sicurezza. 

La campagna “Io accolgo” è nata su iniziativa di un ampio fronte di organizzazioni della società civile, enti e sindacati, per dare una risposta forte e unitaria alle politiche adottate in Italia nei confronti dei richiedenti asilo e dei migranti (la “chiusura dei porti”, il “decreto Sicurezza” ecc.).

La raccolta firme, che sarà dislocata in diversi punti della città di Bologna, ha l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione e chiedere al Governo e al Parlamento di abrogare i Decreti Sicurezza e gli accordi con la Libia perché violano la Costituzione e le Convenzioni internazionali e producono conseguenze negative sull’intera società italiana, mettendo in discussione lo stesso concetto di umanità.

Io Accolgo propone di:

- Reintrodurre il permesso di soggiorno per motivi umanitari e la residenza anagrafica per i richiedenti asilo. Senza documenti i migranti sono condannati all'esclusione e allo sfruttamento, con conseguente aumento della marginalità e del disagio sociale.

- Riaprire l’accesso dei richiedenti asilo al sistema di accoglienza integrata e diffusa gestito dai Comuni. Questo sistema (ex-SPRAR) prevede percorsi di formazione e inserimento lavorativo che permettono una positiva inclusione nella società italiana. Questo è uno dei punti che chiediamo il Governo prenda in esame con più urgenza, visto che il 31 dicembre 2019 molti dei progetti SPRAR attivi sul territorio nazionale scadranno. Al momento il sistema di accoglienza diffuso gestito dai Comuni ospita richiedenti asilo (tra questi anche i ricorrenti che hanno già ricevuto un diniego) e titolari di protezione umanitaria che, secondo quanto previsto dal Decreto Salvini tuttora in vigore, non avranno più il diritto di accedervi. Bologna, tra le città che più ha investito sullo SPRAR, attualmente l'unico modello che garantisce percorsi di integrazione e autonomia, subirà le conseguenze maggiori, con un ritorno ai grandi centri di accoglienza - gestiti dalla Prefettura e con carattere di straordinarietà ed emergenza - e la responsabilità di farsi carico di coloro che nei prossimi mesi potrebbero essere espulsi dal sistema di accoglienza. 

- Mai più morti in mare e persone lasciate per settimane sulle navi. Chi rischia la vita in mare deve essere soccorso e fatto sbarcare al più presto in un porto sicuro. E chi soccorre non può essere criminalizzato.

- Stop ai respingimenti in Libia. Annullare gli accordi Italia-Libia, sulla base dei quali i migranti vengono intercettati in mare e riportati in Libia, dove vengono rinchiusi nei centri di detenzione, in condizioni disumane e sottoposti a violenze e torture.

Si potranno sottoscrivere i punti programmatici della raccolta firme nei banchetti presenti nei seguenti luoghi:

Cgil Bologna, Via Marconi 67/2 VENERDì 25 10-12 

Via Ugo Bassi (vicino Pizzeria Altero) VENERDI' 25 (h. 15.00-18.00) 

Ca' Bura, nel parco di via dei Giardini (zona Corticella) dalle 15 alle 17 SABATO 26

DAS Via del Porto, 11, 40122 Bologna BO SABATO dalle 14 alle 18 

Circolo Arci Accatà Via Cento, 58, 40017 San Giovanni in Persiceto BO SABATO DALLE 18 IN POI

La raccolta firme continuerà in maniera fissa e continuativa nei seguenti luoghi:

Cgil, Via Marconi 67/2, Bologna al 2 Piano, c/o l'ufficio di Segreteria, riferimento: Maria Favaro.

Centro lavoratori Stranieri in Via del Porto n 16/c , Bologna, negli orari di apertura dell'ufficio: 9-13 e 14-18,30

Legambiente Bologna ed Emilia Romagna 9-13  e 14-17, dal lunedi' al venerdì, (telefonare allo 051 241324), via  Massimo Gorki 6, Bologna 

Arci Bologna, via E. Zago, 2 Bologna Lunedì, mercoledì e venerdì: 9.00-13.00; 14.00-18.00 Martedì: 14.00-18.00 Giovedì: 14.00-18.00 

UIL Emilia Romagna e Bologna, Via Serena 2/2 – 40127 Bologna, negli orari di apertura degli uffici.  

Il Comitato Bolognese della rete “Io Accolgo” è costituito da:

ACLI, Amici di Ronzano, Amnesty International, Anpi Bologna, Antoniano Onlus, Aprimondo, Centro Poggeschi, Approdi, ARCI, ArciSolidarietà Bologna, ASGI, Associazione Oltre, Avvocato di Strada Onlus, Balconi Salvagente, Caritas, CEFA, Centro Missionario Frati Servi di Maria, CGIL, Chiesa Metodista Bologna, Comunità Missionaria di Villaregia, Comunità Papa Giovanni XXIII, Coop Cidas, Donne in Nero, Dynamo la Velostazione, EuropAsilo, ExAequo Bottega del mondo, Famiglie Accoglienti, Forum Terzo Settore Bologna, Hayat Onlus, Legambiente, Libera, Libertà è giustizia – Circolo di Bologna, Libertà Era Restare, Manifesto In Rete, Medici Senza Frontiere, Percorsi di Pace, Pax Christi, Portico della Pace, Progetto per un Centro Astalli a Bologna, Refugees Welcome, Rete degli Studenti, Rete degli Universitari, Ri-Festival, Scuola By piedi “Marina Gherardi”, UIL, Witness Journal. 

Ti invitiamo a postare commenti attinenti all'argomento. La redazione si riserva il diritto di cancellare ogni commento ritenuto offensivo o inutile.
Tutti i campi sono obbligatori