trova un evento

Cosa ti interessa?

Dove

Quando?


27 gennaio 2018 | Servizio civile

"A Forza di essere vento"

"A Forza di essere vento"

In occasione della Giornata della Memoria, presso il circolo Arci MET BO si è svolto “A Forza di essere vento - focus Rom e Sinti”, una giornata dedicata alla memoria del Porajmos, l'olocausto dimenticato di Rom e Sinti, perseguitati, internati e sterminati dal nazifascismo nel corso della Seconda Guerra Mondiale.

Una giornata molto partecipata, suddividsa in un workshop di danze rom rumene (sirbe e hore) guidato dal maestro Aghiran Sibian e in seguito un tavolo di discussione sulla vita delle popolazioni zingare dal '900 ai giorni nostri, con la partecipazione dell'attrice e attivista Dijana Pavlovic.

Porajmos è il termine con cui Rom e Sinti indicano lo sterminio del proprio popolo perpetrato da parte dei nazisti durante la seconda guerra mondiale.
Con il “decreto Auschwitz”, stilato il 16 dicembre 1942 da Heinrich Himmler è l’inizio del “grande divoramento”, la deportazione di tutti gli zingari del Reich a Birkenau.
Si parla di oltre 500mila morti, secondo recenti statistiche. Per questo viene definito anche Samudaripen”, che significa tutti morti. A questi  vanno aggiunti quanti ai campi non arrivarono mai perché uccisi durante le incursioni della milizia nei campi nomadi.
All'arrivo nei campi gli zingari venivano distinti con un triangolo nero sulla divisa, che rappresentava gli “asociali”e venivano condotti tutti indistintamente nello Zigeunerlager, un “campo nel campo” dove erano abbandonati a sé stessi in condizioni indescrivibili.
L’antiziganismo, però, come spiega Dijana Pavlovic, ospite del tavolo di discussione al MET BO, non è mai terminato: Rom e Sinti subiscono quotidianamente violenze verbali e fisiche che raramente vengono denunciate.
Anzi, proprio oggi l’antiziganismo sta assumendo, specialemente in Italia, dimensioni preoccupanti.
Stereotipi e pregiudizi verso tali comunità, del resto, sono alimentati dalla cattiva informazione fatta dai media sul tema.
Secondo il rapporto “Antiziganismo 2.0”, dei 370 casi annui di incitamento all’odio e alla discriminazione, il 75% sono opera di esponenti politici, 58% di privati cittadini e 20% di giornalisti.


La giornata “A Forza di essere vento - focus Rom e Sinti” organizzata al MET BO pone dunque un chiaro accento su come Rom e Sinti continuano a vivere in uno stato di esclusione e segregazione sociale sempre più forte: per questo motivo ricordare, in una giornata come quella della Memoria, il Porajmos può aiutare a rompere lo schema degli stereotipi che soffocano la comunità Rom e Sinti.

Ti invitiamo a postare commenti attinenti all'argomento. La redazione si riserva il diritto di cancellare ogni commento ritenuto offensivo o inutile.
Tutti i campi sono obbligatori